Istituto Comprensivo Riva 1 > Docenti > Giornata della Memoria 2017
Ultima modifica: 27 Gennaio 2017

Giornata della Memoria 2017

27 gennaio 2017 – Giornata della memoria 
(da commentare nelle classi)

   La farfalla

L’ultima, proprio l’ultima,
di un giallo così intenso, così
assolutamente giallo,
come una lacrima di sole quando cade
sopra una roccia bianca
così gialla, così gialla!
l’ultima,
volava in alto leggera,
aleggiava sicura
per baciare il suo ultimo mondo.
Tra qualche giorno
sarà già la mia settima settimana
di ghetto:
i miei mi hanno ritrovato qui
e qui mi chiamano i fiori di ruta
e il bianco candeliere di castagno
nel cortile.
Ma qui non ho rivisto nessuna farfalla.
Quella dell’altra volta fu l’ultima:
le farfalle non vivono nel ghetto.

(Pavel Friedman, Praga 1921 – Auschwitz 1944)

 

    Ormai da alcuni anni, il 27 gennaio, si rievoca la data simbolica dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz con la liberazione degli ultimi sopravvissuti del campo di concentramento ad opera degli Alleati.

    A distanza di sessantacinque anni, questo Giorno mantiene intatto il significato che i “salvati”, usando le parole di Primo Levi, avevano voluto dare alla Memoria e alla loro testimonianza.

   Ricordare la Shoah, una delle pagine terribili e peggiori della storia dell’umanità, non deve essere solamente un omaggio doveroso ai “sommersi”, cioè ai milioni di vittime della persecuzione e dello sterminio, ma deve essere un’occasione per far maturare nei giovani un’etica della responsabilità individuale e collettiva.

   Le nuove generazioni devono essere messe di fronte agli errori della storia perché solo attraverso la conoscenza piena del passato potranno comprendere meglio il proprio tempo e porre le basi per una società migliore, fondata non sull’odio ma sulla pacifica convivenza nel rispetto delle diversità.

    Il Giorno della Memoria possa essere veramente all’interno della scuola un momento di profonda e autentica partecipazione e di attenta riflessione, non di formale commemorazione, per scongiurare con il contributo di tutti il ripetersi di simili tragedie.

 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prof. Giovanni Kral